Placeholder

Acer buergerianum formosanum – Acero

L’Acer buergerianum come bonsai: il suo nome giapponese “Kaede”, significa “mano di rospo” e in effetti le sue caratteristiche foglie a forma di tridente richiamano le zampe palmate di un rospo.

Con il suo tronco eretto dalla corteccia marrone chiaro, che invecchiando si sfoglia, questa pianta è particolarmente suggestiva in autunno, quando le sue foglie assumono vivaci tinte aranciate.

È piuttosto adatta alla coltivazione a bosco perchè ha gli internodi stretti.

Si tratta di una specie robusta, generalmente in grado di resistere al freddo quanto al caldo.

È longeva come essenza coltivata a bonsai, inoltre è facile da modellare e risponde bene alle tecniche di coltivazione.

Condividi su:

Informazioni aggiuntive

Sottocategorie

Specie

Stile

Mantenimento

Esposizione: va protetto dal sole estivo, specialmente nelle regioni meridionali.

Annaffiatura: tranne che in inverno, deve essere sempre abbondante, poiché il terriccio non deve mai rimanere completamente asciutto.

Concimazione: da aprile all’inizio di luglio; dalla fine di agosto ad ottobre.

Rinvaso: ogni due anni, prima del risveglio vegetativo.

Osservazioni

La pianta si presenta spoglia d’inverno